ALTER-G

ALTER-G RINO MONETTA RIABILITAZIONE PARALISI INFANTILE

Come camminare

 

CHE COS’è

Alter-G è un sistema di deambulazione tecnologicamente avanzato realizzato su progetto della NASA e concepito per l’ allenamento  fisico degli astronauti continuamente esposti a condizioni ambientali con forza di gravità ridotta.

Alter-G è composto da un classico tappeto rotante situato in un involucro gonfiabile e trasparente dentro al quale un sofisticato meccanismo  insuffla aria a pressione positiva  producendo così una forza di alleggerimento del peso corporeo. Quest’aria,  che si espande dal bacino ai piedi del paziente in modo assolutamente uniforme, armonioso e confortevole, conferisce al corpo un vero e proprio sollevamento fino all’80% del suo peso che può essere regolabile in alto o in basso in modo preciso con variazioni dell’1%.

COME FUNZIONA

A differenza dei classici sistemi di sgravio del peso corporeo, o anche di quelli più evoluti a gestione elettronica utilizzati nella riabilitazione robotica infantile, che si caratterizzano per un sistema di sollevamento dall’alto per ridurre la pressione dei piedi a terra, nell’Alter-G il paziente viene sollevato direttamente dal basso, non è sorretto da nessuna imbragatura al tronco che lo costringe a  continue oscillazioni “perturbanti”, non ha l’innaturale sensazione di sentirsi “appeso”, può produrre riaggiustamenti posturali al tronco per bilanciare lo spostamento del centro di massa, non si produce attriti, abrasioni o infiammazioni sulla pelle all’altezza dell’inguine a causa delle continue sollecitazioni dell’imbragatura.

QUALI SONO I BENEFICI

Nell’Alter-G il paziente ha la possibilità di sperimentare un ambiente di lavoro motorio più naturale dove non ci sono elementi costrittivi sul corpo (imbragatura), non si è “obbligati” in  traiettorie controllate di movimento e all’interno del quale si ha la percezione immediata di leggerezza, libertà e facilità di movimento. Grazie a questo raffinato sistema di alleggerimento del peso corporeo il paziente con Paralisi cerebrale infantile può più facilmente appropriarsi delle informazioni propriocettive ed esterocettive provenienti  dal suo corpo e che  rappresentano una rinnovata conoscenza dello suo schema corporeo.

In Alter-G, infatti, il paziente con l’alleggerimento corporeo proporzionato alle sue abilità motorie, è messo nelle condizioni migliori dal punto di vista neurocognitivo,  articolare, muscolare e motivazionale per organizzare una risposta motoria in contrapposizione al contesto di instabilità costante provocato dal tappeto rotante. Il paziente può così realizzare autonomamente un suo progetto motorio facendo leva, da una parte, su quei processi mentali a capacità limitata come l’attenzione e la memoria e, dall’altra, sull’ innata motivazione al movimento insita in ogni essere animale. Con questi presupposti neurofisiologici e comportamentali, il paziente si allena su Alter-G all’apprendimento del controllo motorio attraverso un continuo feedback corticale tra il movimento eseguito e quello percepito, in pratica tra il passo eseguito e la sua immagine motoria del passo, in una continua ricerca neurocognitiva  protesa all’ottimizzazione del gesto motorio. La deambulazione a terra post Alter-G risulta più fluida, coordinata, equilibrata, veloce, con passaggi tra un piede e un altro più dinamici e  con maggior forza nei muscoli in quanto, probabilmente, si sono liberati  i patterns coordinativi, ovvero la sequenza ritmica alternata delle varie fasi della deambulazione. Alter-G è di particolare utilità nella conquista di un funzionale ortostatismo e  cammino nelle Paralisi cerebrali infantili, in quanto in questi pazienti è prioritario non sovraccaricare anzitempo le strutture ossee, articolari, tendinee e muscolari onde evitare la comparsa o il peggioramento dei danni terziari come la lussazione dell’anca, la torsione assiale ossea, la retrazione muscolare, l’accorciamento tendineo, l’irrigidimento/blocco articolare, l’ipertonia/ipotonia.

Alter-G consente così, grazie al suo sofisticato meccanismo di carico controllato,  di far esercitare  il paziente in modo protetto da queste frequenti interferenze,  e di perseguire, nel contempo, diversi obiettivi terapeutici che vanno, a seconda dei casi, dal raggiungimento della postura dello  “stare in piedi” fino alla fase della deambulazione vera e propria. In questo senso Alter-G  può costituire un valido supporto tecnico nella prevenzione di quelle patologie motorie da “carico precoce”, tanto frequenti nei quadri di Paralisi cerebrale infantile, prevenzione che rappresenta anche l’obiettivo comune di ogni metodica classica neuroriabilitativa sia essa Doman, Vojta, piuttosto che Fay, Castagnini o Perfetti-Puccini. Non solo ma, l’uso combinato di Alter-G con queste metodiche classiche, crea le condizioni neurofisiologiche all’ instaurazione corticale di nuovi circuiti neuronali  che favoriscono una riduzione dei tempi di recupero nell’acquisizione  delle  tappe motorie e accrescono il repertorio dei movimenti  solitamente limitato.